Carte assorbenti

Ma come vorrei avere i tuoi occhi, spalancati sul mondo come carte assorbenti” scriveva Guccini in una sua canzone, osservando l’infanzia di sua figlia. Ed è proprio così: nulla di ciò che accade intorno a noi, per nessun motivo, deve lasciarci indifferenti. Non c’è spreco più grande che il “passare oltre” prima di aver trattenuto – poco o tanto che sia – l’indizio utile che ogni circostanza porta alla nostra vita. Dobbiamo essere affamati e bramosi di questi indizi, perchè sono la nostra possibilità di fare la differenza tra una vita vissuta e una vita pensata.

Occorre però permettere che le cose lascino una traccia nella nostra carta assorbente. Solo così, traccia dopo traccia, indizio dopo indizio, inizieremo a capirci qualcosa.

carteassorbenti@gmail.com

Annunci